martedì 18 dicembre 2012

A snowy (yet not relaxing) weekend.


Le immagini di questo post mettono molta pace,
le parole meno... vi avviso, sarà un lamento, dall' inizio alla fine, un lamento di una casalinga/lavoratrice fuori casa/ mamma/donna/ leggermente...disperata!

A voi la scelta: 
guarderete solamente queste belle immagini di un weekend benedetto dalla neve e dal
suo potere calmante o leggerete anche le lamentele di una donna ingrata?
(perchè poi è così che mi sento, alla fine... sono fortunata e mi lamento.... sì, un' ingrata,
ecco cosa sono).



Sono molto stanca, direi esausta ma non tanto fisicamente, sono le mie Duracell il problema....si sono un po' fiaccate mi sa...sempre tante, troppe cose per la testa, sempre troppe pretese da me stessa (soprattutto) ma anche dagli altri, spesso nervosa e facilmente irritabile.
Rispondo male alle persone che amo e poi mi prenderei a mazzate in testa.

Saranno gli ultimi mesi di gravidanza, ma non credo, sono sempre stata bene, non arrivo alla fine (mancano 2 mesi) fisicamente affaticata, se non per il nervo sciatico che con questa seconda gravidanza mi sta facendo vedere le stelle....a volte mentre scendo le scale di casa mi cede la gamba e sento come delle scosse elettriche che mi attraversano la chiappa (!!) e la coscia, e poi zoppico come una vecchietta e GG se la ride pure!!!

Sarà che quando sono in ufficio penso a quello che devo fare a casa, quando sono a casa penso a quello che devo fare in ufficio, molte volte di notte mi sveglio e sto con gli occhi spalancati, a fanale, per più di un' ora a pensare a quello che devo fare sia a casa sia in ufficio....
e non da ultimo a chiedermi come farò quando a Febbraio arriverà il nostro secondogenito ed avrò una piccola creatura in più da accudire, e questo si sommerà a tutto quello che c'è sempre da fare...quando tornerò al lavoro che il piccolo avrà solo 4 mesi....quando, se..... forse penso troppo...questo è il problema.
Forse dovrei lasciare che le cose accadano e basta, che vada come vada, forse se riuscissi a prendere le cose (e le persone) meno di petto, forse sarebbe tutto molto più facile e meno faticoso.
Dovrei anche imparare a chiudere gli occhi, non vedere la polvere, i peli delle gatte sparsi ovunque, già due minuti dopo che hai spolverato...le briciole seminate qua e là da GG, foglie e fango portato in casa da Denny di ritorno dalla fattoria....ma io non sono fatta così, non ci riesci proprio.

Una grande casa che richiede tanto tempo la nostra, molto tempo e
tanta dedizione, e nonostante tutte le attenzioni che le diamo ogni singolo giorno non basta mai, c'è sempre qualche lavoro urgente o meno che rimane indietro e che puntualmente qualcuno ti fa notare...perchè si nota sempre quello che non viene fatto e mai le tante cose che nonostante tutto
si riescono a fare.....


e poi sembra una maledizione, ma c'è sempre qualcosa che si rompe, già succede nei piccoli appartamenti, figuriamoci in una casa enorme come la nostra....
negli ultimi giorni, nell' ordine:
il lavandino della cucina che nonostante abbiamo le griglie e non buttiamo mai nulla giù per lo scarico, si è intasato e allora Denny ha pulito lo sgrassatore che abbiamo all'esterno (operazione alquanto difficoltosa e schifosa), convinto che fosse la schiuma del detersivo ad avere creato il problema ed invece no... ora vedremo.
Ieri la pompa collegata alla caldaia a legna che scalda i termosifoni ha smesso di funzionare, abbiamo chiamato il tecnico e pam....si è rimessa a funzionare...bè, meglio così...avevamo già paura di doverci fare un bel regalo di Natale.... più di 1500 € di pompa se era rotta. ALmeno questa l' abbiamo scampata!
Ora però c'è la serranda del garage/officina di Denny che non si chiude più fino in fondo ..ecco....anche quella....oh mamma.
E poi tanti altri piccoli/grandi disguidi che tutti insieme ti fan venire voglia di trasferirti in una casa piccola, con una sola stanza, senza cortile/giardino/fattoria e tutto il resto.
Ah, e poi una delle gomme termiche della macchina di Denny (appena messe nuove) si è misteriosamente bucata.

Certo, la vita che abbiamo scelto di condurre è molto bella ma a volte...mamma mia.....è tanto impegnativa e a volte pare di non arrivare dappertutto, pare che tutto sfugga di mano.... ci sono giorni davvero bui e una minima sciocchezza ti manda fuori di testa.

Sarà che negli ultimi tempi GG è affetto dalla sindrome di
"mammite acuta che più acuta non si può" e non vede nessun altro se non la sua mamma
(il che mi fa anche un immenso piacere e mi rende super orgogliosa ma non mi lascia portare a termine quasi nulla in casa...passare l' aspirapolvere ad esempio...è impossibile...lui me lo spegne appena lo accendo, si aggrappa alle mie gambe e mi immobilizza.....tanto per farvi un banale esempio).
La sera devo andare a dormire con lui e una volta che lui si è addormentato non posso muovermi dalla posizione in cui siamo perchè appena perde il contatto si sveglia e quindi mi tocca stare a letto e dormire anch'io e così nemmeno una doccia, nemmeno due lavori in casa posso fare....


Rimango terribilmente indietro con tutto....il cesto della roba da lavare straborda.... per fortuna che  ho chi mi aiuta a stirare.....







Lo so, lo so, non vi dico nulla di nuovo...cose che sicuramente capitano a tutti,
solo che sono stanca e stanca di sentirmi inadeguata e nervosa.
Tutto lì.

Scusate lo sfogo...voi avreste solo voglia di vedere qualche decorazione di Natale e invece io vi rompo con sta tiritera.


E poi accendi la Tv e senti che il mondo impazzisce e che a farne le spese sono, questa volta,
20 piccoli angeli che sono stati rubati alle loro famiglie, così, in un soffio...e ti senti una schifezza, una lamentona che non capisce niente, che dà importanza alle cose futili....alle cose infondo risolvibili e passeggere....

Francesca

33 commenti:

  1. Come ti capiscoooo, a me succede spesso, eppure non sono incinta, figurati!
    Posso suggerire una vacanza? Una piccolo tregua dal corri e fuggi di tutti i giorni, un modo per staccare la spina e resettare... per poco, ma a volte funziona!
    Un caro saluto...
    Silvia

    RispondiElimina
  2. Eh Francesca....non ti preoccupare capita a tutte le donne...spesso di lamentarsi...per tutto quello che hanno da fare e quindi non sentirti in colpa è umano, lascia andare un pò le cose...e goditi i tuoi bambini sono momenti che non torneranno più mentre le altre cose...quelle ci saranno sempre...è la vita..guarda la tua bella famiglia, quello che hai costruito, la tua bella casa...e si feliceeeeeee sempre..ogni attimo, il resto si risolve sempre...buone anzi buonissime feste...e poi hai tutte le ragioni..nun te preoccupà..bacio Anna

    RispondiElimina
  3. Povero tesoro mio , almeno tu hai la scusa della garvidanza,ma io che scusa ho quella della menopausa?? Per la sciatica prova a fare un po' di stretching, scusami ma non so se si scrive così, purtroppo io e l'inglese non ci capiamo. Prova ad attaccarti ad un ramo o a qualcosa in alto e lasciati andare ad un leggero dondolio. La pressioene sulla colonna si allenterà dandoti un po' di sollievo.Un bacione.

    RispondiElimina
  4. ciao Fra! ho lettotutto, anche le virgole!!
    dire che quello che scrivi e come ti senti, ci accomuna in senso logico di noi donne!! troppo complicate siamo..non ce ne va bene mai una, e semmai una cè, si trova xforza un difetto, un modo per dire che siamo complicate ma siamo noi!! un genere femminile complesso da quando il creato si è inventato la storia della costola per creare una donna..ma tornando a te io mi fermerei nel dirti..che se non fosse cosi la tua vita, cercheresti di averla cosi! mi spiego..siamo sognatrice è il destino delle cose cè le creiamo..vero anche la fortuna e tutti gli altri ingredienti xil lieto vivere..ma in fondo quello che volevi un tempo è solo quello che oggi hai..l'Amore cara Francesca! il resto fà si che il tuo scorrere quotidiano di darà belissimi ricordi quando tutto questo "lamentare" non avrai..e riderai scorrendo le pagine del tuo passato intorno ai tuoi figli e tuo marito a guardare l'album della vostra vita.. con i "se" e i "ma"..baci!!

    RispondiElimina
  5. ahhhh come ti capisco!!! anche noi abbiamo una casa enorme, col giardino, i gatti pelosissimi e tutto il resto! e ancora non ci sono bambini, ma come ti capiscoooo! pure qua si rompe tutto e a volte anche io penso: viva gli appartamenti super moderni e accessoriati! poi però mi sento ingrata e inadeguata... Francesca guarda mi sa che è una cosa comune: la soluzione è: pretendere meno da noi stesse.

    RispondiElimina
  6. Oh Fra...you are such a special person. We all feel like you do sometimes. Just remember...it is just a season in life and will pass. Your house looks so beautiful! Hope you have a really GOOD day today!

    ~Julia

    RispondiElimina
  7. cara Francesca,siamo in tante a capire come ti senti! e dar sfogo con queste parole,già può aiutare un po'! in una casa grande tutto si rompe,tutto è sulle nostre spalle,pulito perfetto, ordine e bambini poi non vanno d'accordo,assolutamente no!! anch'io mi arrabbio per i tuoi stessi motivi,ma purtroppo dobbiamo imparare a portare pazienza! dico a te quel che devo dire a me! non vergognarti di come ti senti,capita a tutti,ma ciò non vuol dire essere egoisti! un abbraccio!!

    RispondiElimina
  8. Eh piccola mia...com'è dura la vita!!! lo si sa ma non ci se ne rende conto mai fino in fondo e poi cosa ti resta da fare? ti ci devi abituare...sarà sempre così anche quando avrai i bimbi grandi e poi quando avrai i nipoti e i bis nipoti che più si va avanti più la vita si allunga, tutte noi ci siamo passate attraverso i momenti di insicurezza di frustrazione la sensazione di inadeguatezza di solitudine in mezzo alla gente...quando pensi che non ci arriverai mai ad essere quello che sognavi, quando chiedi a te stessa di seguirti e te ne vai da un altra strada per mancanza di forza o di coraggio o di incoscienza...insomma tranquillizzati tesoro che ce l' abbiamo fatta tutte e ce la farai anche tu come dice un link che circola su FB ultimamente non sai quanto tu sia forte...finchè essere forte è l' unica scelta che hai...ti vogliamo tutte bene hai uno stuolo di amiche anche se virtuali...tante seguaci persone che ti ammirano e ti stimano...lo vedi non sei SOLA e questo è bello continua pure a scriverne è liberatorio e aiuta nessuna di noi si aspetta che da te ci sia una filiale di Disneyland la vita non è un parco giochi..per nessuno...ed essere fortunate e sopratutto saperlo, non è una garanzia di successo...Qualche vittoria e qualche sconfitta dove arrivi metti il punto diceva mia nonna. E così sia. Smuak Buon natale...

    RispondiElimina
  9. Cara Francesca sfogati, perchè io lo faccio in continuazione e anche io mi sento tanto pesante quanto inopportuna...avrei usato le stesse tue parole...ti ho letta tutta perchè anche le lamentele fanno parte della vita. Non siamo finte non siamo bambole siamo donne mamme lavoratrici pure stressate pure isteriche!!! E ci sta alla grande...un abbraccio forte non sai quanto ti capisco...fai tu che Riccardo alla tenerà eta di cinque anni è ancora in fase mammite acuta e mi riduco a docce ad orari impensabili e pulizie in turno di notte!!! un bacio e anche con le lamentele rimani comunque una persona speciale.

    RispondiElimina
  10. No tesoro non dire così!quel che è capitato è una cosa terribile, ho ancora i brividi! capisco il tuo sfogo..i problemi ce li abbiamo tutti certo e c'è anche bisogno a volta di lamentarsi un pò ..serve a ricominciare a lottare di nuovo!Anche casa mia è piuttosto grande e a volte mi sono sentita anch'io così.. eppure ricomincio sempre!esattamente come già fai e farai tu!Chi va piano va sano e va lontano e tu vai piano ok?Tutto si fa!
    Baciotto!!

    Stefy

    RispondiElimina
  11. Cara Francesca, come ti capisco !!! Non sono incinta e non ho bimbi piccoli, ma alle spalle un trasloco in una casa non finita e prima 4 mesi vissuti in un unica stanza perchè avevamo già venduto la casa e dovevamo liberarla.....certo anche le mie sono cose risolvibili e passeggere, ma che fatica ;o)

    Un grande abbraccio di sostegno da parte mia
    Annalisa

    RispondiElimina
  12. di solito chi si arrabbia così è perchè ha dato il massimo e non riesce a fare il rimanente 2% delle cose che si era ripromesso di fare...ma sì ma lasciali svolazzare quei peli di gatto e fatti una dormita accanto a gg mentre la caldaia finge di non funzionare e le gomme scoppiano...e quando ti vengono brutti pensieri stringiti al tuo marito che saprà sicuramente come farti sentire al sicuro.
    Bella Fra ti mando un bacio anzi 4 (per tutti) per augurarvi un dolce Natale

    RispondiElimina
  13. Cara Francesca, avrei potuto scriverlo io parola per parola. Anche io sono molto esigente con me stessa, voglio fare tutto e tutto bene. Naturalmente non ci riesco e questo mi genera dei sensi di colpa enormi. Anch'io poi ci rifletto e mi sento ingrata, ma in quel momento non riesco proprio a vederla in altro modo. E' la maledizione di essere donne??? Boh, io so che sono conosciuta come "quella forte", e a volte invece vorrei tanto essere conosiderata fragile ... ma dura poco, alla fine so che essere forte è stata la mia salvezza, e quella dei miei figli, quindi va bene così. Non sei sola, ti abbraccio forte, Silvana

    RispondiElimina
  14. Mi preoccuperei se non ti lamentassi un pochino...e mica viviamo nella casa del Mulino Bianco eh, mica i nostri figli son sempre angeli, e mica abbiamo lo stuolo di camerieri a tenerci la casa in ordine, e mica siamo sempre di buon umore! E poi tesoro, ma tu sei alla fine della gravidanza, con tutto il peso che comporta fisicamente e psicologicamente...ma se non ti lamenti tu, chi lo deve fare! Coraggio, e stai serena che i momenti bui passano, e poi arrivano quelli belli.

    Ti abbraccio

    Viviana

    RispondiElimina
  15. Dear Francesca, these thoughts happen to all Mothers and Women! Too much to do, too many responsibilities resting on slender shoulders! Things will all work out and you will find a balance. It is impossible to do it all. Do only what is most necessary. Rest. You will feel better soon. I promise. Big hug. xx Karen

    RispondiElimina
  16. Dolce Fra, inadeguata tu?! Ma per piacere! Già il fatto che ti poni tutti questi problemi la dice lunga sul fatto che tu non sia inadeguata. Forse pretendi solo un po' troppo da te stessa. Io sono esattamente come te, finché mi reggo in piedi continuo a fare qualcosa perché c'é sempre qualcosa da fare in casa, una ricetta da preparare, le piante da annaffiare, gli animali da sfamare,... e così capita che alle 21 di sera crolli sul divano. E sono così 7 giorni su 7. Per poi sentirmi dire da amici che il sabato é fatto per riposarsi e la domenica "col cavolo che mi alzo prima di mezzogiorno e poi passo tutto il pomeriggio in giro a non fare niente!". A volte mi chiedo se sono strana io, ma poi penso che avere un sacco di interessi ed aver voglia di fare tante cose sia una benedizione. Lo so, spesso ti demoralizza non riuscire a portare a termine tutte le cose, ma non sarà una cesta di panni sporchi in meno ad essere più preziosa del tempo passato con GG. E lo so, le case sono dei veri pozzi senza fondo di faccende e lavoretti, ma vuoi mettere dover vivere in un piccolo appartamentino con vicini rumorosi e magari pure nel centro di una grande città?! Ora che arriva il Natale prova a staccare un paio di giorni, ritrova la tua armonia e vedrai che tutto andrà meglio. Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Ah, ma allora sei umana! Cominciavo a preoccuparmi...
    Hai proprio ragione: si nota sempre quello che non siamo riuscite a fare, invece delle mille cose che sono state fatte. E allora, al diavolo: non si può avere il controllo su tutto, meglio darsi delle priorità e scegliere di godersi la famiglia, perché certi momenti si vivono una volta sola; l'aspirapolvere, invece, si trova sempre l'occasione per passarlo.
    Stamattina ho dato a mio figlio più grande i jeans tirati fuori dall'asciugatrice, così come stavano: se qualche sua insegnante vuole vederlo con i pantaloni stirati può sempre pensarci lei, io non mi offendo.

    RispondiElimina
  18. Cara Fra,
    allora siamo molte le lamentone!
    Credo che sia purtroppo "normale".
    Prima di tutto c'è la gravidanza.
    Non è detto che ogni gravidanza sia uguale...io nella prima non ho avuto problemi, riuscivo a fare tutto tranquillamente, avevo energie.
    Con la seconda ero sempre tanto stanca, non riuscivo a fare un granché e quindi mi innervosivo. Anche pensando al dopo, cioè quando poi sarebbe arrivato il bambino... se sarei riuscita a fare tutto.
    Quando poi è nato', dopo un cesareo per giunta, mi sono resa conto che effettivamente le cose erano un pò più difficili.
    Senza contare che il primogenito era diventato molto geloso! E quindo non ho potuto fare altro che mettere il punto.
    Sì, hai capito bene, ho cominciato a pensare in questo modo: dove arrivo metto il punto, poi si vedrà.
    E non ti dico se si è visto e se si vede..il caos regna sovrano ...ci sono giorni che mi prende lo sconforto ce ne sono altri che tiro via e basta. Non si può fare tutto tutto tutto, bisogna per forza lasciare indietro qualcosa sennò il caos arriverà in testa e questo si riflette nel modo di relazionarsi con gli altri, perciò anche se non va giù.. arriva dove puoi e metti il punto.
    Baci
    Francy

    RispondiElimina
  19. Quasi dimenticavo.. c'è un piccolo pensiero per te sul mio blog!!..Come va stamattina? .. cmq la foto nuova sul blog è un'incanto!un abbraccio di cuore!
    Stefy

    RispondiElimina
  20. Ciao Francesca, sono Mara e ti capisco benissimo! Prima di tutto voglio tranquillizzarti, sono gli ormoni impazziti della gravidanza a farti ingigantire un pò ogni problema. Di vero c'è che le nostre vite sono spesso sovraccariche di occupazioni, progetti, aspettative da parte degli altri, e così è facile percepire quella sensazione di inadeguatezza che hai spiegato tanto bene e che ci coglie quando pensiamo di non arrivare ovunque. Dalla tua c'è una bella famiglia,un buon lavoro, interessi e passioni che ti appagano e in più l'arrivo di un nuovo bimbo. Le tue sensazioni le ho provate tutte, tranne quella del secondogenito, e credo che saremo in molte a dirti le stesse cose. Rallenta e imponiti di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno, hai tutte le carte in regola per vivere serenamente quel che resta dell'attesa e tutto il resto. Ti abbraccio e auguro a te e alla tua famiglia un bel Natale sereno e pieno d'affetto. Ciao, Mara (mara.sordini@tin,it) Poichè riesco a postare solo come "anonimo", almeno mi "qualifico" con un indirizzo di posta :)

    RispondiElimina
  21. Cara Fra,
    mentre leggevo mi sembrava di averle scrite io quelle parole....i tuoi sentimenti sono i miei (incinta pure io, di quasi 7 mesi)....Per ora non mi si è rotto nulla...ma i pensieri per il lavoro, le notti insonni, la stanchezza, il senso di inadeguatezza (che poi vorrei vedere chi potrebbe fare di meglio!!!!) e il senso di colpa per il lamentarsi!!!!! IDENTICO!!!!!! Che ci vuoi fare...io dò colpa agli ormoni impazziti e, se devo dire la verità, tremo all'idea di un'eventuale depressione post parto...avuto ai minimi termini con Gabriele...e all'ora non ero così stanca!!!!! E sai cosa mi fa più male??? Che spesso a pagarne le conseguenza è il mio angioletto...eh si, perchè messa come sono messa appena mi dà una rispostaccia in più o al primo NO della giornata...io scatto e me la prendo con lui....alzando spesso la voce...cosa che non ho quasi mia fatto!!!!! Appeno apro la bocca mi sono già pentita di quello che ho detto o di come l'ho detto!!!!! Buuuuuu...
    Speriamo di farcela cara Fra......in fondo ci sono passate miliardi di donne, no?????
    Baci
    Lilly

    RispondiElimina
  22. Cara Francesca, non sai quanto ti capisco! Io non sono incinta e ho due figlie grandi ma non ti so dire se era meglio quando erano piccole e dovevo accudirle oppure ora che devo proprio seguirle e accompagnarle nella loro adolescenza! Forza e coraggio ...che le cose poi si affrontano con la giusta forza nel momento in cui si presentano. Quando poi vedi che inevitabilmente nel mondo c'è chi, per un motivo o per l'altro, stà peggio di te, ....tutto si ridimensiona e si trova la determinazione per andare avanti! Auguri per tutto e complimenti per le foto!
    Ciao
    Paola

    RispondiElimina
  23. Cara Francesca, purtroppo penso che tutte noi donne passiamo dei momenti così, semplicemente perché abbiamo sempre troppa carne al fuoco. Mi permetto di consigliarti un paio di cose: intanto cerca di non pretendere troppo da te stessa in questa fase della tua vita. I bambini cominciano ad essere un po' più indipendenti a circa 3 anni, quindi è ovvio che sei limitata in ciò che devi fare. In più adesso verrà il piccolo. Perdonati, nessuna donna riuscirebbe a fare meglio nella tua situazione, e va bene così. Poi ti consiglio flylady.net. Questo è l'unico sistema di organizzazione domestica (e non solo) che mi fa avere pace in casa e un giusto rapporto con le faccende domestiche. A me toglie totalmente la preoccupazione di non poter fare tutto e non aver tutto perfetto e dà ottimi risultati... ma devi vedere tu stessa se va bene per te. Fammi sapere in caso.
    Dai che andrà meglio, vedrai, e ricorda che il Signore ti è vicino e ti aiuta. Sei nei miei pensieri.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Ciao Francesca, anch'io sono incinta e il mio secondogenito dovrebbe nascere tra un mese esatto a due anni esatti dall'altro. Io non mi preoccupo, poi quando ci sarà vedremo il da farsi, se mi fascio la testa, come vivo? male, e allora un problema alla volta, quando si presenta. La casa, quella sta sempre lì, tutti i giorni devi fare le stesse cose, se non le fai oggi, domani sono lì, se oggi le fai domani sono sempre lì. Io stiravo anche gli stracci con cui spolveravo!!! adesso? stiro quello che posso e pulisco quello che ce la faccio, non posso mica morire per la casa!!! o perlomeno non me ne frega più di tanto, ho altre cose da fare.
    gloria

    RispondiElimina
  25. Fra non sentirti inadeguata penso proprio che tu non lo sia affatto!mi rivedo in tutto quello che hai scritto,praticamente due gocce d'acqua adesso mi sento un pò meno aliena!
    un bacione
    giovanna
    GG è stupendo!!!

    RispondiElimina
  26. Tesoro il tuo sfogo è assolutamente legittimo e normale, non fartene un cruccio. Approfitta di questo "periodo no" per impegnarti ancora di più nella ricerca dei pensieri positivi, so che ci riuscirai. Il primo è nella tua pancia, riposa beato e non vede l'ora di ammirare il dolce sorriso della sua mamma! Forza! Gestire una casa grande come la tua è una vera impresa, me ne rendo conto, eppure voi avete quel qualcosa in più che vi rende speciali, unici! Siete o non siete i signori Barton? Allora via il broncio, regalati la serenità di cui hai bisogno, cercala, io già la vedo, è proprio lì, nel tuo immenso cuore!
    Ti abbraccio con tanto tanto affetto
    Clelia

    RispondiElimina
  27. ciao Fra
    questo è il pegno delle perfezioniste... se ti può consolare credo cha anche tu, con il tempo, come è successo a me e a tante amiche capirai che un po' di polvere in più non è una tragedia e così ogni "rottura" sarà presa con altro spirito. Oltre ad essere perfezionista sei creativa e questa creatività ti aiuterà a trasformare la tua vita per viverla con più serenità! e poi ora clcola che i tuoi ormoni fanno un po' le bizze...
    baci, baci, baci
    s

    RispondiElimina
  28. livinginmyhomeblogspot19 dicembre 2012 16:48

    Cara Francesca,mi permetto di chiamarti così anche se non ci conosciamo di persona( solo via email x i vs prodotti)quando ho letto il tuo post mi ci sono ritrovata completamente, eh sì perchè anche io vivo in campagna, in una casa grande con sempre qualcosa che non va,anche io ho famiglia, 3 figli,MASCHI, un marito e molte volte ho detto e pensato le cose di cui hai parlato. non ti dirò guarda le cose belle che hai, lo sai già ma vorrei dirti come ad una sorella, figlia...impara a di
    re NO, "no ci riesco"," no non ne ho voglia","no fallo tu per favore"....non c'è niente di male,anzi si aiuta gli altri a capire che non si è super donne.....sono sicura che dopo questo tuo sfogo ti sei rimboccata le maniche e hai ripreso il tuo lavoro di mamma, lavoratrice, di moglie, di figlia...le donne sono così, le mamme sono così, piene di energia rinnovata anche solo quardando negli occhi di chi si ama....Coraggio sei in gamba....Scusa se mi sono dilungata ma volevo incoraggiarti. Un abbraccio
    Piera

    RispondiElimina
  29. Carissima,sono con te,con i tuoi pensieri un po' stanchi o meglio sovraccarichi...ti capisco perchè sono mammma di 4 figli,lavoro ed ho una grande casa...e poi ho la mente che lavora un po' troppo...quindi ti dico che ce la possiamo fare e poi se guardi il magnifico paesaggio che ti circonda puoi far circolare aria nei tuoi pensieri,calmarti e vedere meglio le priorità!Goditi i tuoi cuccioli,il tempo passa velocemente e te li ritroverai grandi che non hanno più così bisogno di te,invece la polvere ci sarà ancora,ancora ed anche la caldaia,i lavori...un bacio e un augurio!

    RispondiElimina
  30. ciao francesca,volevo dirti che tu sei una persona molto speciale, una ragazza VERA e autentica come non ne ho mai conosciute.sono cosi affascinata dal tuo modo di essere,sempre sincera e coerente in tutto.sono molto onorata di conoscerti tramite il tuo bellissimo blog e sappi che riesci sempre a risollevarmi dal profondo dolore che ho nel mio cuore. grazie

    RispondiElimina
  31. Cara Francesca,sei umana,io non credo a quelle che non si lamentano mai,in fondo nascondono qualche cosa,percio' forza scaricati e poi ricomincia ad andare avanti.
    Ciao Bea

    RispondiElimina
  32. Ciao cara, forse leggendo i carinissimi commenti delle ragazze qui sopra ti senti già un po' meglio ;)
    Anch'io sono esattamente come te, quando le richieste e la pressione provengono da diversi fronti non si riesce più a reggere allo stress e si scoppia! Devi assolutamente riuscire ad affrontare una cosa alla volta e a pensare comunque positivo. Dopo la salita c'è sempre la discesa! Fatti aiutare il più possibile e delega fin che puoi, siamo tutti necessari ma non insostituibili. Dai che ce la fai!!!
    Un bacione e un abbraccio stretto
    paola

    RispondiElimina
  33. Lo sai, vero, che il fascino del tuo blog, oltre che nella tua bella casa sta nel mostrarti sincera, nel raccontarti nella tua quotidianità, nel vederti simile a tutte le altre, e non sempre perfetta, scintillate e falsa come capita di percepire in altri?

    RispondiElimina