martedì 3 dicembre 2013

Torta di (tante) mele della nonna Agnese



Buongiorno a tutti!

Giornate di grande freddo e neve (evvivaaaa)...
esiste forse clima migliore per cucinare delle buone torte?

Così, appena ho un attimo di tempo, sfodero il raccoglitore dove custodisco gelosamente le ricette della mia nonna Agnese (la mamma della mia mamma, veneta della provincia di Vicenza) e mi metto a impastare, mescolare, infarinare, imburrare..

Ormai lo sapete: 
per me cucina fa rima con tradizione e famiglia. Niente di meno, niente di più!

Sì, anche in questa ricetta, come in quella della Torta Paradiso sempre della nonna agnese (rileggetela qui se vi va), c'è parecchio burro e parecchio zucchero.... vedete voi se e come sostituirli con qualcosa di più "sano" 
(tipo...bè, al posto dello zucchero... potremmo pensare a del malto? 
o sciroppo d'uva o acero? non so...)

Io vi lascio la ricetta come la mia nonna l'ha tramandata  a me... 
non so se oserò mai cambiarla e modificarla....mi pare un po' un sacrilegio...
come strappare le pagine dei vecchi libri per fare delle decorazioni.... no....non ne sono capace!
L'unica modifica che ho fatto è l'aggiunta di un po' di cannella...eh eh...lo so, per me è una droga!



Sì....quella è neve! Sul tavolo del mio giardino!;-) 



 INGREDIENTI: 

 1 kg di mele sbucciate tagliate a fettine (nel mio caso ho utilizzato le mele raccolte dai nostri alberi qualche mese fa)
1 hg burro 
2 hg di zucchero 
1,5 hg farina 
sale q.b 
 1 bicchierino di liquore 
(la nonna non specifica il liquore.... se avete del Calvados vi consiglio caldamente di usare quello!)
3 uova 
1 limone non trattato, 
½ busta lievito 


 PREPARAZIONE 

 Spremere il succo di limone sulle mele a fettine, 
aggiungere ½ etto di zucchero ed il liquore. 

Lasciare macerare per 30 minuti.

In una terrina grattuggiare la buccia del limone, aggiungere le uova, il restante zucchero, 
il burro sciolto e raffreddato, la farina ed il sale. 

Mescolare bene ed aggiungere il lievito, quindi le mele. 

Mescolare ancora e versare in una tortiera a cerniera. 

Infornare per un’ora e più a 180° C. 


Se vi va..preparatela e poi fatemi sapere cosa ne pensate!

Questa foto non c'entra molto con la torta ma.... mi piace così tanto il tetto della mia casa! ecco il particolare di uno dei due abbaini della mansarda.




E, mi raccomando, non dimenticatevi di partecipare al Giveaway di Cera Novecento!! ;-))



p.s.. Vi segnalo una bellissima iniziativa:
andate a curiosare un po' le creazioni delle bloggers/dei bloggers che hanno aderito alla bellissima iniziativa di aboutgarden, L'ortodimichelle e GiatoSalò dedicata ad un natale tutto GREEN! 
Io parteciperò il prossimo martedì con delle ali d' angelo...molto particolari! 
Qui trovate tutte le creazioni di oggi e, se cliccate sulle foto sarete indirizzati al realtivo blog! 



Buona navigazione!

13 commenti:

  1. Anch'io ho la ricetta del cuore, della torta con le mele, la ricetta di mia nonna!
    Ed esattamente come te, non modifico mai niente, anche perché non ha bisogno di modifiche, per me è perfetta! I ricordi che mi porta ogni volta, sono una carezza per l'anima.
    Quindi capisco quando parli di sacrilegio :)!
    Dev'essere buonissima anche la torta di mele di tua nonna, complimenti. Sono ricette che non hanno prezzo, grazie per averla condivisa con noi!

    RispondiElimina
  2. Francesca non si può assolutamente modificare, le ricette delle nonne non si modificano...sarebbe come modificare un pezzo della loro esistenza e questo non va bene...
    Anche la ricetta della torta di mele della mia famiglia, quella di mia zia, ha una considerevole quantità di mele quindi non mi stupisco affatto che Tua nonna ce ne mettesse 1 kg...
    e poi incantevole l'abbaino sul tetto innevato, ma io sono una romantica come te e questi dettagli mi danno sempre una gioia grande! Certo è che quando penso a Te penso alla famiglia "del mulino bianco" intesa nel senso più bello e profondo della definizione (e devi pensare che anche se viviamo in città a me e mio marito chiunque ci conosca ci definisce così e a me la cosa fa molto piacere visto che oggi il valore della famiglia si è letteralmente perso)
    Un abbraccio
    Antonella
    P.S: Mannaggia, siamo troppo lontane, altrimenti sai quanti tea party ci saremmo concesse mentre i nostri bimbi giocavano insieme ed i mariti sedevano all'angolo bar...tanto da me o da te non avrebbe fatto differenza, l'angolo del gentleman ce l'abbiamo entrambe...uffah, tanto simili ma troppo lontane!

    RispondiElimina
  3. adoro le torte fatte in casa, da me la maestra delle torte è la mia mamma Natalina, la sua torta di mele riempie la mia pancia e quella dei miei bambini, anche lei segue la ricetta tramandata e scritta dalla sua mamma, io ci provo ma la sua torta è sempre la più buona ...
    custodisci gelosamente queste ricette e tramandale hai tuoi figli
    un bacio Valeria
    p.s. anche da noi ha nevicato!:)

    RispondiElimina
  4. Che bello,una torta di mele ...con la cannella e la ne-ve !!!!!!! Di sicuro proverò di farla senza cambiare niente perchè le ricette delle nonne non si cambiano :) Ti saluto .Sabine

    RispondiElimina
  5. Che fortuna avere le ricette della nonna! Mia nonna lavorava e quindi non cucinava molto, ma la mia bisnonna era un'ottima cuoca... io abito nella sua casa, ho la sua credenza, i suoi mobili...ma nemmeno una ricettina...come mi dispiace!!!! Questa torta ha poca farina, deve essere molto "melosa", vero?!! Me la segno... grazie!

    RispondiElimina
  6. NO, la ricetta della nonna non si tocca ! Se le fai delle modifiche non è più la sua. Amo sia burro che zucchero quindi... E per quanto riguarda le pagine dei libri, anche non antichi, non riesco a ritagliarle per farci qualcos'altro, non ce la faccio proprio. Potrei "smontarne" uno solo di quelli che ho, ma solo perché è doppio ! Bello l'abbaino... bello tutto in realtà !

    RispondiElimina
  7. no vabbè che te lo dico a fare?....sono appena tornata infreddolita da un pomeriggio in ufficio, dove il termosifone si è dimenticato di accendersi...purtroppo nelle scuole succede, le aule sono riscaldate, ma l'amministrazione comunale si dimentica dei pomeriggi lavorativi degli impiegati....mi siedo in poltrona per 10 minuti di relax e che cosa leggo?....mi ci vorrebbe proprio una fettina di torta calda e profumata per riscaldarmi....metterò in pratica al più presto, nel frattempo un saluto dal mio meraviglioso veneto polentone....

    RispondiElimina
  8. Le ricette delle nonne non si possono toccare, anche io ne conservò gelosamente....e pensa che me le sono procurate pesando gli ingredienti mentre lei cucinava,....sempre e solo ad occhio!
    Un abbraccio
    Elena

    RispondiElimina
  9. E' proprio vero con queste temperature ci si chiude in casa a preparare torte. Il profumo riempie le stanze e scalda il cuore!
    Buon inverno!
    Isabella

    RispondiElimina
  10. grazie cara amica mia di aver pubblicato un 'altra ricetta della tua cara nonna agnese e di aver scelto proprio la torta di mele che è a casa la nostra preferita tra le torte,quindi ora è fatta..è diventata la nostra ricetta di famiglia ormai!domani pom sono a casa e la preparo subito nn vedo l'ora e per carità nn si cambia niente delle ricette delle nonne perchè la loro sapienza è insegnamento per noi!poi la torta appoggiata sulla candida neve nella tua cucina d'inverno ora, è pura poesia..grande fra!!!!<3<3<3-terry-

    RispondiElimina
  11. Stavo proprio pensando a una torta di mele...la settimana scorsa ho fatto una crostata ripiena di mele, datteri, miele e cannella saltati in padella e volevo provare la stessa variante in un ciambellone!
    Le ricette delle nonne o mamme sono fantastiche...io ancora prima di sposarmi avevo ricopiato tutte le ricette di mia mamma in un quadernino! :-)
    buon pomeriggio

    RispondiElimina
  12. Ciao Francesca! Dolce godurioso e da fare subito! Un bacio
    Vero

    RispondiElimina
  13. Primo : MAI modificare ciò che la famiglia ci lascia in eredità!
    Secondo: ADORO la torta di mele
    Terzo : Agnese nome dolcissimo ( mia figlia porta questo nome !!)
    Quarto: mi piace passare qui!
    A presto Monica

    RispondiElimina