lunedì 7 marzo 2016

Profumo di ... nonna



Forse non ve l'ho mai detto ma se avessi avuto una figlia femmina l' avrei chiamata Agnese come la mia nonna materna (seguito probabilmente da Maria).

Sono arrivati due maschietti e quindi ....nessuna piccola e riccia Agnese a sgambettarmi intorno.

L' Agnese della mia vita sarà sempre lei: la nonna, una donna semplice e decisa, nata e cresciuta in campagna. Una di quelle donne di una volta: concrete, cuoca divina, porta di casa sempre aperta, 4 figli,
amante della buona compagnia... se un po' gogliardica ancora meglio... risate a crepapelle!!!

E proprio due giorni fa, mentre entravo nel mio bagno, ho sentito il suo profumo. 
Ecco il perchè di quanto vi ho raccontato fin qui.

Mi capita spesso, sempre in giornate di sole e di finestre socchiuse, di sentire, nel mio bagno, il profumo che c'era nel bagno di mia nonna Agnese:
un misto di menta piperita e camomilla misto ad un profumo di fresco e di pulito che non so descrivere ma che quando raggiunge le mie narici, mi fa ripiombare in quella piccola e semplice casa di campagna, ai bordi del fossato, nella piatta campagna vicentina.
Cortiletto in ghiaia bianca, cemento lasciato al grezzo, gli scuri bisognosi di nutrimento e sbiaditi dal sole, la saracinesca del garage, la zanzariera alla finestra della cucina, l' unica finestra della cucina, la porta d'entrata che un po' cigolava, le numerose piante di asparagine, le petunie sul bordo della casa, il copriletto verde oliva nella camera degli ospiti.. il lampadario di cristallo nella stanza della nonna, la scala che saliva al piano di sopra...mi pare tappezzata di moquette...il canto delle rane nei fossi le notti d' estate.

Un profumo, mille immagini e mille emozioni.

Io bambina. 

E quando lo sento, forte e ben distinto, nella mia casa, lo inspiro a pieni polmoni, intensamente...perchè so che dopo pochi secondi, un minuto forse, sparirà... fino alla prossima volta.

CIAO NONNA.  















E ve lo confesso, INCI buono o no, poco mi importa.... ogni tanto acquisto il detergente intimo della Roberts, quello alla camomilla, perchè ricordo che la nonna Agnese usava proprio quello e mi piace vederlo ora nel mio bagno come lo vedevo allora nel suo!


                                                                          

11 commenti:

  1. Sono convinta che la tua cara nonna ti venga a salutare proprio in quei giorni di sole... é sempre bello ritrovarti, Francesca. Un abbraccio. Silvia

    RispondiElimina
  2. Quanto mi sarebbe piaciuto conoscere quell'Agnese ricciolina e sgambettante ❤... Riesco a immaginarla
    La CiCci

    RispondiElimina
  3. Francesca, vuoi farmi piangere!?! Bellissimo questo post e grazie per come hai ricordato la Nonna Agnese. Se fosse ancora qui, impazzirebbe di gioia (forse sta facendo salti di gioia da lassù, fra torte e ravioli al brasato)

    RispondiElimina
  4. Io uso l'acqua di rose come faceva la mia nonna e non mi sono preoccupata di certo dell' INCI perché mi ricorda lei!!!
    Le nonne sono speciali in tutto quel fanno e in quel che lasciano!
    Michela

    RispondiElimina
  5. è incredibile come un profumo riesca a far riaffiorare ricordi che magari non ricordavamo nemmeno di avere... forse la nonna in quei momenti ti viene a trovare: non sono forse i ricordi a mantenere vive le persone care che non ci sono più?
    un abbraccio
    lori

    RispondiElimina
  6. che dolce ricordo...anch'io adoravo mia nonna e il suo ricordo è sempre vivo nel mio cuore. Un abbraccio Lory

    RispondiElimina
  7. Quando i nostri "angeli" vogliono far capire che ci sono vicini, arrivano anche con i profumi che li hanno accompagnati nel loro percorso di vita terrena. Magnifico il tuo racconto, che mi ha fatto rivivere ancora più intensamente i miei giorni che vedono il trasloco di mia madre, dalla casa dove sono nata, e dove rimarranno per sempre intrisi nei muri ed in ogni dove, profumi e ricordi. Paola

    RispondiElimina
  8. Ciao Fra, è bello ritrovarti dopo una lunga assenza da parte mia. Stupendo il tuo post, come sempre.
    Un grande abraccio
    Francy

    RispondiElimina
  9. Francesca, tornare a leggerti è sempre Piacere e Sorriso.
    E la cosa che più mi ha colpito è come questo tuo post (letto adesso per la prima volta) sia assai identico ad un post che proprio questa sera stavo per pubblicare, basato sugli odori ed i ricordi.
    Impressionante questa cosa, ed impressionante come anche la Mia Nonna sia predente nel post...proprio come è accaduto qui.
    Impressionante...
    Un buon Marzo a te.
    A.A.

    RispondiElimina
  10. Bello quello che dici, io ho perso mia nonna da un anno.. mi manca tanto, e non oso immaginare a mia madre. E cmq capita anche e a me sai di sentire improvvisamnete odori che mi riportano subito alla mente lei

    RispondiElimina